Nato per essere spiritoso, il Comic Sans non sarebbe dovuto diventare un font utilizzabile.
All’inizio si poteva trovare nei fumetti  con il nome di Comic Book, ovvero semplici lettere disegnate a mano per ogni riquadro, ottenendo lettere uniche, diverse tra loro. Ciò conferiva al testo varietà e flessibilità.
Questo font prese una brutta piega, ovvero iniziò ad essere utilizzato ovunque, persino dove non era ideale (biglietti di auguri, annunci affissi sugli alberi, siti pornografici, lapidi).
Diventò una font pericolosa, difficile da abbattere. Ma qualcuno ci provò, creando un’azienda chiamata “Ban Comic Sans”.

comic-sansVe lo immaginate il Comic Sans al posto dei font conosciuti? Terribile.

 

Comments are closed.